MILANO NEI TEMI SCOLASTICI DEI BAMBINI DEL PASSATO. 1922-1998.
PREFAZIONE DI JAMES M. BRADBURNE.

“Questa raccolta di testi contenuti nei quaderni di bambini milanesi ci riporta alle nostre origini, alla nostra infanzia, alle città in cui siamo cresciuti, ovunque esse siano.” JAMES M. BRADBURNE

Quando scende la nebbia io sono molto felice è un libro che raccoglie decine di temi scolastici, cronache, pensierini che raccontano la città di Milano attraverso lo sguardo dei “piccoli cittadini” e delle “piccole cittadine” che l’hanno abitata tra il 1922 e il 1998.

Tutti i testi sono riportati fedelmente (errori inclusi!), e sono tratti dalla collezione del Museo dei Quaderni di Scuola, un museo che conserva migliaia di quaderni scolastici datati dalla fine del ‘700 ai primi anni 2000.

Il libro è adatto a lettori di tutte le età che vogliono scoprire, o riscoprire, la città osservandola da un punto di vista finora inedito. La prefazione è scritta da James M. Bradburne, già direttore della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Nazionale Braidense.

Il libro è curato da Thomas Pololi, ideatore e curatore del Museo dei Quaderni di Scuola.

È edito dalla cartotecnica ecosostenibile Arbos, società benefit certificata B- Corp. È stampato su carta interamente riciclata. 

Tutti i ricavi andranno a sostegno delle attività e dei progetti del Museo dei Quaderni di Scuola / Associazione Quaderni Aperti.

Quando scende la nebbia io sono molto felice perché non si vede la città e io posso immaginarmela come credo: come una campagna, una grossa fattoria, una spiaggia, una città del mondo di domani! Insomma come la mia fantasia mi suggerisce. Dal lavoro di gruppo di una quarta elementare, 1979

“Come tutti sapete esso [il Duomo] è stato costruito con marmo di Candoglia, ovvero marmo rosa. Col passare del tempo, lo smog, i fumi degli stabilimenti lo hanno reso nero, allora io proporrei […] che tutta la popolazione sborsasse un bel po’ di liquidi perché si inventasse qualche strumento moderno che continuasse dal mattino alla sera a pulirlo.” Tema di un bambino di quinta elementare, 1971

“Noi, o vecchia, o cara Milano, non ti rivedremo più quale fosti per noi. Poiché tutto finisce, finirà anche la guerra e si ricostruirà la Milano distrutta o danneggiata dalle bombe, ma noi la riconosceremo sempre meno nelle ampie strade rettificate e nella uniformità delle sue case.” Cronaca di una ragazza di terza media di Milano sfollata a Seveso per via dei bombardamenti sulla città, 1945

“A Milano vengono molte persone per lavoro e per vedere le grandi opere pubbliche. Oltre però alle cose come l’inquinamento le cartacce l’inquinamento acustico, e non parliamo delle siringhe di droga!!!.” Tema di una bambina di quarta elementare, 1998

“Che folla! La galleria e la piazza del Duomo sembravano un tappeto di tanti i coriandoli che avevano gettati. Quante maschere vidi!” Cronaca di una ragazza del “corso preparatorio alle scuole professionali”, 1926

Le mie vacanze spero che mi andranno bene in Sardegna. La Sardegna è una bella isola si conoscono tutte le persone e non si ammazzano come a Milano. Tema di una bambina di seconda elementare, 1977

“Guardando dalla finestra della mia aula si può scorgere molto bene un palazzo in costruzione. […] Dove un giorno v’era un campo da gioco è stato messo un recinto e dentro di questo una escavatrice.” Tema di un ragazzo di prima media, 1960

ACQUISTA “QUANDO SCENDE LA NEBBIA IO SONO MOLTO FELICE” IN LIBRERIA:

(SEI UNA LIBRERIA E VUOI ORDINARE DELLE COPIE? CONTATTACI!)

MILANO

✎ BONVINI 1909, VIA TAGLIAMENTO 1 (SITO WEBMAPPA)

SPAZIO B**K, VIA PORRO LAMBERTENGHI 20 (SITO WEBMAPPA)

✎ LIBRERIA MILITARE, VIA MORIGI 15 (SITO WEBMAPPA)

 

VUOI RIMANERE AGGIORNATO/A SULLE PUBBLICAZIONI, MOSTRE E INIZIATIVE DEL MUSEO DEI QUADERNI DI SCUOLA? 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

OPPURE SEGUICI SU FACEBOOK O INSTAGRAM.

©2024 Quaderni Aperti